sedia a ruote - Ermanno Eandi

E R M A N NO E A N D I
Poeta, giornalista e scrittore
Vai ai contenuti

Menu principale:

Poesie d'anima

Sedia a ruote
Poesia dedicata ai disabili

"è meglio avere un corpo senza corpo, che una testa senza testa"

Sono immobile eppure mi muovo,
corro, volo, salto,
m’innalzo con la mia fantasia
e  raggiungo vette altissime.

Da lì vedo la mia voglia di rivincite,
l’autenticità di essere me stesso,
lontano da quel che sono
ma vicino alla mia pura sensibilità.

A volte vedo gli altri
correre da fermi con i pensieri inariditi,
che fingono di capirmi
con il loro falso compianto
di chi non vola più o, peggio, non hai mai volato.

Dalla mia sedia a ruote spuntano ali,
faccio capriole nella mente,
mi piaccio e capisco:
che è meglio avere un corpo senza corpo
che una testa senza testa.



Ermanno Eandi

Date un tocco di prestigio e sensibilità in più ai vostri eventi, invitate Ermanno Eandi

Se volete vedere il video cliccate l'immagine sottostante


poesia di ermanno eandi

sedia a ruote, sedia a rotelle, carrozzina, handicap, disabili, diversamente abili, paralimpiadi, Poesia, protesi, corpo, testa, Ermanno Eandi, barriere architettoniche, amputazione, dolore, sofferenza, volontariato, surace, accompagnatore, accompagnamento, arto, rinascita, whellchair, disabili, paralisi,tetraplegico,

contatori visite
google-site-verification: google704b41e5aa7b3ad4.html
Torna ai contenuti | Torna al menu